E-mail   I   Mappa

  Home  >  Motorizzazione  >  Veicoli

 
 
  Autotrasporto persone
   
  Autotrasporto merci
   
  Nautica
   
  Patenti
   
  Revisioni Collaudi
   
  Veicoli
   
  Centri revisione veicoli
   
  Autoscuole
   
  Agenzie pratiche auto
   
  Link
   
  Utilità
   
  Bollo auto
Trentino Riscossioni S.p.a.
   
  Informativa sulla privacy
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
 


Attestato di capacità professionale
all'esercizio dell'attività di trasportatore
di viaggiatori in ambito
nazionale ed internazionale

  1. Definizioni:

Esercizio della professione di trasportatore di viaggiatori su strada: attività di impresa esercitata con il trasferimento di persone con offerta al pubblico, o a talune categorie di utenti, verso corrispettivo, mediante autobus, cioè autoveicoli destinati a trasportare più di nove persone, autista compreso. Il veicolo dovrà essere immatricolato ad uso di terzi per il servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone. Sono esclusi pertanto gli autobus adibiti ad uso proprio ai sensi del primo comma dell’art. 83 del codice della strada.

Impresa di trasporto su strada: qualsiasi persona fisica o persona giuridica, con o senza scopo di lucro, od associazione o gruppo di persone senza personalità giuridica, con o senza scopo di lucro, nonché qualsiasi ente dipendente dall’autorità pubblica, il quale abbia personalità giuridica o dipenda da un’autorità avente personalità giuridica, svolgente l’attività definita sopra.

  2. Normativa di riferimento:

- Regolamento CE n. 1071/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009, "che stabilisce norme comuni sulle condizioni da rispettare per esercitare l’attività di trasportatore su strada e abroga la direttiva 96/26/CE del Consiglio"
- Decreto dirigenziale 25 novembre 2011 n. 291 “Disposizioni tecniche di prima applicazione del Regolamento CE n. 1071/2009"
- Circolare del Ministero dei Trasporti n. 26141 di data 2 dicembre 2011
- art. 11 del Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5 (convertito nella legge n. 35 del 4 aprile 2012)
- Decreto dirigenziale 20 aprile 2012 n. 40 “Disposizioni applicative dell’art. 11 c. 6 del D.L. 5/2012”

  3. Requisito dell'idoneità professionale:

Il requisito dell’idoneità professionale consiste nel possesso della conoscenza delle materie dell’autotrasporto indicate nell’allegato I al Reg. CE 1071/2009 ed è accertato con il superamento di un esame apposito.

Requisiti soggettivi:
Alla prova d’esame possono partecipare le persone che:
- hanno la maggiore età;
- non sono interdette giudizialmente né inabilitate;
- hanno assolto all’obbligo scolastico e superato un corso di istruzione secondaria di secondo grado o, in alternativa, frequentato uno specifico corso di formazione preliminare presso organismi debitamente autorizzati.

L’idoneità professionale è richiesta al gestore dei trasporti, ossia la persona in possesso anche del requisito di onorabilità che dirige in maniera continuativa ed effettiva l’attività di trasporto.
Il gestore dei trasporti può dirigere l’attività di trasporto di una sola impresa e deve rivestire all’interno dell’impresa di autotrasporto, alternativamente, una delle seguenti cariche:
a) amministratore unico, ovvero membro del consiglio di amministrazione, per le persone giuridiche pubbliche, per le persone giuridiche private e, salvo il disposto della lettera b), per ogni altro tipo di ente;
b) socio illimitatamente responsabile per le società di persone;
c) titolare dell’impresa individuale o familiare o collaboratore dell’impresa familiare;
d) persona, legata da rapporto di lavoro subordinato, alla quale le relative attribuzioni sono state espressamente conferite.
In alternativa l’impresa, con un parco complessivo massimo di cinquanta veicoli, può designare, con apposito contratto scritto un gestore dei trasporti esterno, il quale non può avere legami con nessuna altra impresa di trasporto su strada.

La domanda d’esame
(formato .pdf, 99KB) va presentata presso la provincia nel cui territorio gli interessati hanno la residenza anagrafica o l’iscrizione nell’anagrafe degli italiani residenti all’estero, ovvero in mancanza di queste, la residenza normale.

 

 
  4. Modalità di svolgimento dell'esame:

Per sostenere l’esame occorre presentare domanda (formato .pdf, 99KB) in bollo vigente, al Servizio Motorizzazione Civile della Provincia Autonoma di Trento.
Alla domanda dovrà essere allegata l’attestazione di versamento di € 50,00 sul conto corrente postale n. 400382 – intestato alla Provincia autonoma di Trento Servizio Tesoreria M.C.T.C. – per il pagamento del diritto di ammissione all’esame.
Tale versamento, è valido per una sola seduta d’esame. La mancata presentazione all’esame non comporta la restituzione del versamento effettuato. Soltanto in caso di assenza per malattia, debitamente documentata da certificato medico, il versamento effettuato sarà considerato valido per sostenere l’esame esclusivamente nella seduta successiva, per la quale non dovrà essere prodotta nuova istanza.

L’esame si svolge su argomenti che riguardano sia il trasporto nazionale che internazionale. Coloro che si trovano in possesso di attestato di idoneità professionale rilasciato anteriormente al 4 dicembre 2011 (o conseguito in esenzione dal relativo esame ai sensi del art. 11 del Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5 convertito nella legge 4 aprile 2012 n. 35) che abiliti ad esercitare l’attività di autotrasportatore su strada esclusivamente in ambito nazionale, ai fini dell’esercizio dell’attività in ambito internazionale dovranno superare l’esame per l’ambito internazionale.

L’esame è costituito da due prove scritte che consistono rispettivamente in:

  1. un questionario composto da sessanta domande con risposta a scelta fra quattro risposte alternative; per la valutazione della prova sono attribuibili al massimo sessanta punti;

  2. una esercitazione su un caso pratico; per la valutazione della prova sono attribuibili al massimo quaranta punti.

Per l’esecuzione di ciascuna delle prove di cui al comma precedente, il candidato dispone di due ore (per un totale di quattro ore).
L’esame è superato se il candidato ottiene:
- almeno trenta punti per la prova del questionario di cui alla lettera a);
- almeno sedici punti per l’esercitazione, prova di cui alla lettera b);
- ed un punteggio complessivo, risultante dalla somma dei punteggi di entrambe le prove, di almeno sessanta punti (60/100).

Sono resi pubblici, sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (http://www.mit.gov.it), l’elenco generale dei quesiti per la prova di cui alla lettera a) e dei tipi di esercitazione per la prova di cui alla lettera b).

 

 

 
     
    torna su