E-mail   I   Mappa

  Home  >  Motorizzazione  >  Merci

 
 
  Autotrasporto persone
   
  Autotrasporto merci
   
  Nautica
   
  Patenti
   
  Revisioni Collaudi
   
  Veicoli
   
  Centri revisione veicoli
   
  Autoscuole
   
  Agenzie pratiche auto
   
  Link
   
  Utilità
   
  Bollo auto
Trentino Riscossioni S.p.a.
   
  Informativa sulla privacy
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
 

 

L’ALBO DEGLI AUTOTRASPORTATORI ED IL REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE (R.E.N.)


  1. Autotrasporto di cose per conto di terzi

Tutte le persone fisiche e giuridiche che esercitano l’autotrasporto di cose per conto terzi con qualsiasi mezzo e tonnellaggio e a qualsiasi titolo, sono tenute all’iscrizione nell'Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto terzi, istituito con la legge 6 giugno 1974 n. 298.
Sono soggette all'iscrizione all'Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto terzi le imprese che esercitano l'attività di autotrasporto di cose per conto di terzi con:
• autocarri,
• trattori stradali,
• autoveicoli per trasporti specifici,
• autotreni,
• autoarticolati,
• mezzi d'opera,
• autovetture.
Sono esenti dall'iscrizione all’albo le imprese che esercitano l'autotrasporto esclusivamente con autoveicoli ad uso speciale (autospazzatrici, autopompe, etc.), con ciclomotori, o motoveicoli.

 

  2. Tipi di iscrizione all'albo
Esistono quattro tipi di iscrizione nell’albo:
1) iscrizione limitata, relativa alle imprese che esercitano l’attività solo con autoveicoli aventi massa complessiva fino a 1,5 tonnellate che devono dimostrare solo il requisito dell’onorabilità;
2) iscrizione limitata, relativa alle imprese che esercitano l’attività con autoveicoli aventi massa complessiva superiore a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 ton.;
3) iscrizione senza vincoli e limiti, relativa alle imprese che esercitano l’attività con veicoli senza limitazioni di peso;
4) iscrizione nella sezione speciale, riservata a:
a) cooperative tra persone fisiche che abbiano tra i propri soci imprenditori, di numero non inferiore a nove, iscritti all'albo degli Autotrasportatori e autorizzati all’esercizio dell’autotrasporto di cose per conto di terzi;
b) cooperative tra persone giuridiche che abbiano tra i propri soci imprese, di numero non inferiore a cinque, iscritte all'albo degli autotrasportatori e autorizzate all’esercizio dell’autotrasporto di cose per conto di terzi;
c) ai consorzi che abbiano tra i soci imprese, di numero non inferiore a cinque, iscritte all'albo degli autotrasportatori e autorizzate all’esercizio dell’autotrasporto di cose per conto di terzi.
Le imprese che intendono iscriversi nella sezione speciale dell'albo dovranno presentare apposita domanda
(formato .pdf, 50KB).
 
  3. Requisiti
  Per l'iscrizione all'Albo e nel Registro Elettronico Nazionale (REN), che costituisce autorizzazione all’esercizio della professione di trasportatore su strada, è necessario dimostrare il possesso dei requisiti di:
• onorabilità
• idoneità finanziaria,
• idoneità professionale .
• stabilimento
Contestualmente alla dimostrazione dei predetti requisiti, ed in ogni caso prima della formale iscrizione all'Albo, le imprese dimostreranno, altresì, l'avvenuto versamento della tassa di concessione governativa pari ad Euro 168,00, dovuta solo “una tantum” all'atto dell'iscrizione.
L'iscrizione all'Albo è indispensabile per il rilascio della carta di circolazione "uso terzi" ed è condizione necessaria ma non sufficiente per l'esercizio dell'attività di trasportatore su strada occorrendo altresì effettuare l’accesso al mercato (solo per chi esercita l'attività con veicoli di massa complessiva superiore a 1,5 tonnellate).

 
 
  3. Iscrizione all'albo e nel R.E.N.


L'iscrizione all'Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi avviene a seguito di presentazione della domanda, con i relativi allegati, alla provincia competente per territorio della sede principale o unica dell'impresa, sia essa ditta individuale o società.
Le imprese di autotrasporto già iscritte nell'albo e nel REN della provincia in cui abbiano la sede legale (o principale) e che abbiano istituito una sede secondaria nella provincia di Trento (iscritta nel Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio), possono iscrivere nell'albo e/o REN di Trento tale sede secondaria presentando l'apposita domanda
(formato .pdf, 64KB).
Nel caso in cui un'impresa di autotrasporto trasferisca la propria sede legale (o principale) nella provincia di Trento è necessario presentare domanda
(formato .pdf, 115KB) di iscrizione nell'albo e nel REN per trasferimento sede. Contestualmente dovrà richiedere la cancellazione dall'albo/REN di provenienza per trasferimento della sede.


La formazione, la tenuta e la pubblicazione dell’albo degli autotrasportatori rientra tra le attribuzioni del Comitato Centrale per l’albo degli autotrasportatori che, ai sensi dell’art.8, lett. a) della legge n. 298/1974, pubblica sul proprio sito istituzionale l’elenco di tutte le imprese iscritte.
In tal modo, i committenti dei servizi di trasporto possono verificare, preliminarmente alla stipula di un contratto di trasporto, la regolarità dell'iscrizione nell'Albo/REN, nonché la regolarità contributiva presso l'INPS, INAIL dell’impresa di autotrasporto, iscritta all’Albo, cui intendono affidare il trasporto stesso.
Di regola, quindi, l'impresa committente non dovrà richiedere, prima della stipula di un contratto di trasporto, il certificato di iscrizione nell'albo/REN del vettore. Certificato che, invece, l'impresa di trasporto dovrà richiedere (secondo l'apposito modello
formato .pdf, 80KB) e tenere a bordo del veicolo, nel caso di esercizio dell'attività dell'autotrasporto con autoveicoli acquisiti in disponibilità a titolo di locazione senza conducente, nei casi consentiti dalla vigente normativa.

Il Registro Elettronico Nazionale delle imprese che esercitano la professione di autotrasportatore è previsto dall’art. 11 del decreto dirigenziale n. 291/2011 ed è composto di due sezioni separate:
1) la prima, denominata sezione imprese e gestori, contiene almeno i dati di cui all'articolo 16, paragrafo 1, lettere da a) a d) del regolamento (CE) 1071/2009;
(denominazione e forma giuridica dell’impresa, sede sociale, nome dei gestore dei trasporti e, se del caso, di un legale rappresentante, tipo di autorizzazione, numero di veicoli oggetto di autorizzazione e, se del caso, numero della licenza comunitaria);
2) la seconda, denominata sezione sanzioni, contiene almeno i dati di cui all'articolo 16, paragrafo 1, lettere e) ed f) del regolamento (CE) 1071/2009
(lettera e): numero, categoria e tipo di infrazioni gravi che hanno dato luogo a una condanna o a una sanzione negli ultimi due anni; lettera f): nome e persone dichiarate inidonee a dirigere l’attività di trasporto di un’impresa, finché non abbiano ottenuto la riabilitazione o sia stata ripristinata l’onorabilità).